Nei primi mesi del 2020 si è assistito tristemente alla devastazione causata dal fuoco in Oceania con la scomparsa del 30% delle specie animali presenti nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud. Secondo il WWF sono circa cinquecentomila gli animali deceduti e tantissimi altri feriti sono stati portati nei centri di raccolta per essere curati dalle ustioni. Numerosi sono stati i crowdfunding e le iniziative per dare un aiuto, tra queste anche l’iniziativa di Catia Cappellacci.

Obiettivo: produrre marsupi e guanti in cotone per aiutare gli animali feriti dagli incendi.

Attività: Catia Cappellacci è un’addetta alle vendite di una casa di moda che si occupa di abiti da sposa che, tramite l’International fund for animal welfare, l’Ifaw, scopre della necessità di indumenti protettivi in cotone per curare gli animali salvati dagli incendi che hanno colpito l’Oceania nel Gennaio 2020. Da amante degli animali sceglie di mobilitarsi coinvolgendo altre donne, anche dei paesi limitrofi, a raccogliere lenzuola di cotone e confezionare gli indumenti: guantoni per proteggere le unghie ferite dei koala e marsupi per permettere ai canguri di tenere in grembo i loro cuccioli nel caso di ustioni al ventre. Grazie all’operato di tutte sono stati spediti in Australia seicentocinquanta indumenti.

Ambito territoriale: Belforte del Chienti, Marche.