L’accoglienza di una persona immigrata non rappresenta solo un modo per mettere in atto determinati valori etici, ma rappresenta un modo per attivare e valorizzare le risorse, le competenze, le capacità di tale persona, per metterle a disposizione della comunità. In questo senso l’accoglienza fornita ad un immigrato da una coppia milanese può essere considerata un vero e proprio investimento, che contribuisce ad arricchire lo sviluppo di quel territorio. 

Il gelato di Issa

Obiettivo

Accogliere una persona immigrata, favorendo la sua integrazione sociale e il suo inserimento lavorativo

Attività

Issa è costretto a lasciare l’Africa e la sua famiglia pur essendo ancora minore. Dopo essere finito in una rete di sfruttatori di manodopera, entra in contatto con una coppia milanese che si prende cura di lui.

Inizialmente la coppia (che ha già tre figli, di cui due adottati ed uno disabile) gli mette a disposizione una piccola borsa di studio e si rende disponibile per conoscere ed aiutare Issa. In particolare la famiglia lo aiuta a trovare una stanza in affitto, oltre che a supportarlo nella ricerca di un lavoro. Dopo un periodo di prova presso Starbucks, Issa viene assunto a tempo indeterminato. “Dicono che sia diventato il mago del gelato all’azoto liquido e che perfino un grande capo americano, di passaggio dall’Italia, si sia complimentato con lui”. 

Inoltre si è iscritto alla scuola serale per conseguire il diploma, anche nella prospettiva di frequentare l’università.

Ambito territoriale: Milano